Flashwizard Dm500s

Il lavoro di sviluppatori non ufficiali e l’uso della scheda ethernet integrata permettono tra le altre cose anche il processo noto come card sharing. Sono il DM100, il DM600, il DM800 HD, il DM 800 HD se, il DM8000 HD, flashwizard Dm500s DM500 HD ed il nuovissimo DM 7020 HD. Il DM 5620 non poteva montare nessun disco rigido e non ha avuto molto successo tra gli sviluppatori. 2 ed è dotato di un singolo lettore di smart card.

Famosi anche i cloni ancora adesso costruiti in Cina e diffusissimi, molti identici al DM 500 tanto da essere spacciati per originali, altri con nomi diversi tipo Unixbox, Inetbox, ecc. 64Mb di RAM, subito fuori produzione per la scarsa vendita. Nel febbraio 2010 è uscito il modello DM 500 HD, il più piccolo dreambox in alta definizione. In vendita in Italia da marzo 2010.

Il DM 5620, il DM 500 ed il DM 7000 oggi non sono più in produzione, anche se ovviamente si trovano sul mercato dell’usato. Il modello entry level è il DM 100, sostituto del glorioso DM 500 e primo modello a non adottare Enigma. Molto scarno nell’equipaggiamento, possiede un card reader, una LAN ed una porta USB. Uscito nel 2008 la diffusione risulta ancora lenta ed è data dall’incompatibilità con gli attuali firmware del suo predecessore DM 500 tra l’altro il più diffuso tra tutti gli altri modelli.

Il DM 7020 è essenzialmente un DM 7000 con 64MB di RAM ma il file system è stato modificato e non usa più il root. Gran parte delle immagini dei firmware previsti per il DM 7000 sono però ugualmente compatibili con il DM 7020, questo aspetto ne ha decretato un successo commerciale per il momento maggiore rispetto al DM 7025. La soluzione approssimativa del problema proposta dalla casa produttrice è un’opzione del menu di configurazione chiamata “Network Fix” che al termine della fase di bootstrap reimposta i parametri MTU e di media-link del driver NE2000 del Kernel. La soluzione definitiva è una modifica hardware del decoder che consiste nella sostituzione o messa in parallelo di due condensatori collocati vicino al chip della scheda di rete ASIX 88796. Il DM 7025 è essenzialmente un DM 7020 con l’aggiunta di un secondo tuner di tipo “snapin”, un processore da 300 MHz e 128MB di RAM.

Il DM 600, presentato nel 2006 ed uscito nel 2007 inoltrato, è di fatto un DM 500 che però, a differenza di quest’ultimo, può montare anche un disco rigido. DM 7020 che al modello di riferimento DM 500. Il DM 800 è il primo modello ad alta definizione, ha dimensioni simili al DM 600 PVR ma con un piccolo display OLED. Monta una memoria Flash di 64 MB, 256 MB DDR RAM, 1 Porta SATA per l’inserimento di un hard disk interno da 2,5″, 1 Porta E-SATA per hard disk esterni, 2 Porte USB 2.